Create Your Own Bio Links Website Easily in 5 Minutes! Designed for influencers, creators, and businesses, our platform allows you to craft a personalized,

I migliori detective di armi chimiche del mondo hanno appena aperto un nuovissimo laboratorio

Creato il 18 Maggio, 2023Notizie News Italiano • 173 visualizzazioni • 4 minuti letto

Il centro all'avanguardia contribuirà a far rispettare un divieto quasi universale su alcune sostanze chimiche e formerà analisti di tutto il mondo.

Il centro all'avanguardia contribuirà a far rispettare un divieto quasi universale su alcune sostanze chimiche e formerà analisti di tutto il mondo.

Gli ispettori PCW sono addestrati a utilizzare tute hazmat con un autorespiratore. Crediti: OPCW/Flickr (CC BY-ND 2.0)


L'organismo internazionale che ha vietato le armi chimiche dovrebbe celebrare il suo primo importante traguardo quest'anno: la completa distruzione delle scorte dichiarate nel mondo di sostanze vietate. Ma nella nuovissima struttura dell'organizzazione nei Paesi Bassi, gli scienziati di tutto il mondo continueranno il loro lavoro per prevenire, individuare e rispondere alla guerra chimica.

Il 12 maggio, l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) ha inaugurato ufficialmente il suo nuovo Centro per la chimica e la tecnologia vicino all'Aia, dove l'organismo internazionale riunirà i suoi laboratori esistenti e aggiungerà nuovi programmi di monitoraggio e formazione.

Gli attacchi nel Regno Unito e in Siria evidenziano la crescente necessità di competenze chimico-forensi


Sebbene quasi tutti i paesi – ad eccezione di Egitto, Israele, Corea del Nord e Sud Sudan – abbiano ufficialmente rinunciato all'uso di armi chimiche in base a un trattato internazionale chiamato Convenzione sulle armi chimiche (CWC), tali sostanze chimiche continuano ad essere utilizzate illegalmente. L'OPCW ha svolto un ruolo centrale nella risposta alle crisi: i suoi investigatori hanno scoperto che gas nervino e cloro sono stati utilizzati nella guerra civile siriana negli ultimi dieci anni, ad esempio, e nel 2018 un team dell'OPCW ha indagato sul tentato omicidio di un dissidente russo nel Regno Unito che ha coinvolto un agente nervino chiamato Novichok.


Un passo avanti storico

Il centro "consentirà all'OPCW di migliorare il regime di verifica [di laboratorio] attraverso il mantenimento e lo sviluppo delle nostre conoscenze, abilità e competenze relative alle armi chimiche", afferma il direttore generale dell'OPCW Fernando Arias.


"È stato un passo avanti storico per l'OPCW oggi", ha detto Paul Walker, vicepresidente del consiglio di amministrazione della Arms Control Association, un'organizzazione non governativa a Washington DC, dopo aver partecipato al lancio del 12 maggio. Sebbene il lavoro di monitoraggio dell'OPCW fosse in corso da più di un decennio, la guerra civile siriana lo ha catapultato sulla scena globale. "Questo ha dato inizio all'intero processo di realizzazione che avevamo bisogno [dell'OPCW per avere] laboratori molto più ampi e costosi", dice Walker, che ha partecipato all'inaugurazione per conto di un'organizzazione ombrello chiamata CWC Coalition.

Vista esterna del Centro OPCW ChemTech.

Il nuovo Centro per la Chimica e la Tecnologia è un aggiornamento rispetto alle precedenti strutture di laboratorio OPCW. Crediti: OPCW/Flickr (CC BY-ND 2.0)


"Penso che sarà un grosso problema per l'OPCW", afferma Alastair Hay, tossicologo ambientale presso l'Università di Leeds, nel Regno Unito, che è stato consulente dell'OPCW e conduce corsi di formazione per l'organizzazione. "Le precedenti strutture di laboratorio dell'OPCW erano davvero piuttosto limitate", dice. Il laboratorio migliorerà anche la capacità dell'organizzazione di formare ricercatori, aggiunge. Il centro è stato costruito al di fuori del normale bilancio dell'OPCW, con 34 milioni di euro (37 milioni di dollari) di contributi volontari da 56 paesi.


Smaltimento delle scorte


Dal 1997, l'OPCW ha avuto un mandato sotto la CWC per monitorare il rispetto da parte dei paesi del divieto, che richiedeva ai firmatari di smettere di produrre armi chimiche, di dichiarare le loro scorte esistenti e impegnarsi a distruggerle. L'organizzazione ha finora certificato la distruzione di oltre 70.000 tonnellate di armi chimiche e ha ricevuto il premio Nobel per la pace per il suo lavoro nel 2013. Degli otto paesi che hanno rivelato il possesso di tali armi, sette hanno completato lo smaltimento. L'ottavo – gli Stati Uniti – prevede di finire di distruggere le sue scorte (principalmente artiglieria contenente gas mostarda e agenti nervini) nei prossimi mesi e si pensa che sia l'ultimo paese a farlo.


"Stimiamo che un gran numero di armi chimiche vecchie e abbandonate rimangano ancora da scoprire in tutto il mondo", afferma la portavoce dell'OPCW Elisabeth Waechter. Ad esempio, un gran numero di armi chimiche giapponesi arrugginite rimaste dalla seconda guerra mondiale attendono ancora uno smaltimento sicuro in Cina. "Mentre è responsabilità dei paesi distruggerli in modo sicuro, gli esperti tecnici dell'OPCW possono fornire consigli e verificare la distruzione sicura".

La CWC obbliga anche gli Stati parti a segnalare la produzione di sostanze chimiche che hanno un duplice scopo: composti che hanno usi legittimi ma possono anche essere usati come armi o come ingredienti per produrli.

Una donna in camice OPCW trova una soluzione in un banco del laboratorio OPCW.

L'OPCW analizza campioni provenienti da impianti chimici in tutto il mondo per cercare prove della produzione di sostanze chimiche vietate. Crediti: OPCW/Flickr (CC BY-ND 2.0)

Nel nuovo centro, un magazzino è fornito di casse contenenti apparecchiature analitico-chimiche pronte per essere spedite in tutto il mondo. Oltre a indagare su presunti attacchi con armi chimiche, l'OPCW invia ispettori in missioni di routine negli impianti chimici nei paesi membri, spesso con breve preavviso, per cercare prove della produzione di sostanze chimiche vietate. "Gli ispettori si recano in siti diversi e controllano essenzialmente ciò che quei particolari siti hanno dichiarato", afferma Hay.

I campioni riportati all'Aia vengono anche inviati ad almeno due laboratori internazionali, per garantire che i risultati siano sottoposti a controlli incrociati prima di essere comunicati ai paesi membri. "È davvero importante essere in grado di avere accesso a strutture davvero buone, dove i risultati sono incontrovertibili", osserva Hay.

Agenti nervini Novichok vietati dal trattato sulle armi chimiche


Queste strutture fanno parte di una rete di 25 laboratori "designati dall'OPCW". Il mandato del Centro per la chimica e la tecnologia include la messa dei laboratori attraverso un processo di certificazione periodico per consentire la partecipazione alla rete. Il centro forma anche chimici da laboratori che vogliono soddisfare i suoi standard e unirsi alla lista. Nel tentativo di fornire conoscenze al maggior numero possibile di nazioni, l'OPCW sta lavorando per la prima volta alla certificazione dei laboratori nei paesi africani: i suoi attuali tirocinanti includono scienziati provenienti da Algeria, Marocco, Kenya, Nigeria e Sud Africa.

Aumentare la diversità geografica dei laboratori può "costruire capacità globali a beneficio di tutte le regioni e della comunità internazionale nel suo complesso", afferma Waechter.

DOI: https://doi.org/10.1038/d41586-023-01622-9