Create Your Own Bio Links Website Easily in 5 Minutes! Designed for influencers, creators, and businesses, our platform allows you to craft a personalized,

Facebook è diventato un luogo dove gli anziani si riuniscono e postano sciocchezze, fake e le stupidaggini

Created on 24 January, 2024Informatics Digital Article • 377 views • 7 minutes read

Alla fine dei conti la formazione ha avuto il successo in 20 anni

Ricordi il tempo in cui i portali erano pieni di avvertimenti sul trascorrere troppo tempo su Facebook? Questa non è una cosa che ci preoccupa da molto tempo dirette voi.

Ricordi quando la caduta di Facebook faceva notizia? Le persone erano nel panico perché ciò significava che avrebbero potuto trascorrere ore senza il loro diversivo preferito. 

Anche questo non è un problema, perché ormai possono passare settimane senza che tu nemmeno apra un profilo su questa rete. Facebook forma le vostre menti nello scenario peggiore.


Un posto triste e infestato

Ormai da anni Facebook è la triste ombra di quello che era una volta. Un posto pieno di anziani per i quali è l'ultimo posto in cui qualcuno vuole leggere le loro divagazioni e invenzioni su argomenti di cui hanno solo una conoscenza superficiale. Una volta era un posto dove potevi leggere qualcosa di intelligente o almeno spiritoso, e oggi, anche se ti imbatti in alcuni stati raramente significativi, la discussione nei commenti ti scoraggerà.

Zie e vecchi si congratulano con te per il tuo onomastico e ti augurano il buongiorno con un colorato collage di "caffetterie" decorati con rose e colombe, ragazzi e donne divorziati pubblicano le loro gallerie di disperazione con inevitabili messaggi che esprimono delusione nell'amore e nelle persone, aspiranti scrittori andare all'ufficio postale o comprare una nuova TV così poi ci scrivono uno status umoristico che fa da capitolo di un libro, quegli Ultimi Mohicani dell'umorismo di Facebook provano a scrivere qualcosa di forzatamente spiritoso per appena un centinaio di mi piace, il team scrive recensioni che nessuno ha chiesto, le mamme postano foto di bambini che interessano solo a loro, le coppie scattano foto attorno all'albero di Natale anche se lui ha l'espressione facciale che di solito vedi sulle vittime di rapimenti, persone senza figli scrivono status su come allevare figli, i parrucchieri scrivono di vaccini, personaggi con la pancia da birra commentano che sarebbero meglio dei calciatori... 

Apri la tua casella di posta e i bot di profili falsi ti inviano offerte di sesso anche se non riescono a decidere se si tratta di lui o lei, gli avvocati di Google Translate ti informano che hai ereditato un MILIARDO DI DOLLARI dal tuo lontano parente ricco, potenziali partner commerciali iniziano la conversazione con "ciao" e finiscono con un'offerta commerciale che è troppo bella per rifiutare, nonne malate terminali ti lasciano tutti i loro risparmi perché... beh... gli è piaciuta la tua foto del profilo.  


20esimo compleanno 

E lo abbiamo fatto tutti. Abbiamo pubblicato stronzate che, ripensandoci, non avremmo dovuto pubblicare. Mark Zuckerberg ci ha convinto che a qualcuno importa quello che pensiamo, che ogni opinione ha valore, e poi un centinaio di like ci hanno convinto che fosse vero, così per un paio d'anni abbiamo perso completamente il contatto con la realtà.

Lo abbiamo fatto anche perché Facebook era un posto interessante per un periodo, dove le persone discutevano animatamente di tutto, facevano fattorie virtuali, facevano quiz e scrivevano stati "divertenti" quando i colleghi di lavoro lasciavano accidentalmente il loro profilo aperto sul computer dell'ufficio. Un luogo in cui pubblichi un collegamento YouTube alla tua canzone o scena di film preferita e poi provi a fare sesso con persone a cui piace quella canzone o quel film. Facebook è stato il centro degli eventi, l'iniziatore di discussioni e cambiamenti. 

Quel posto non esiste più. Quasi cinque anni fa, è diventato chiaro a tutti che quello che una volta era un luogo divertente e ottimista è diventato un focolaio di noia che i ragazzi evitano, e il team più anziano mantiene i profili probabilmente solo perché in questa fase è difficile chiudere qualcosa che hai hai investito 10 o 15 anni della tua vita.

Oggi passi più tempo a pulire la tua lista di "amici" di pazzi completi che sono sempre stati pazzi e non ce ne siamo accorti, o sono usciti allo scoperto negli ultimi anni come terrapiattisti, teorici della cospirazione o esperti in tutto sono più che ovviamente non istruiti. 


Facebook esiste da 20 anni (4 febbraio per l'esattezza). E' un adulto adulto. E una persona che non perderebbe tempo su Facebook, ma su TikTok o su qualunque rete siano attualmente attivi i ventenni. In ogni caso, quella rete non è Facebook.


Dieci anni di declino sistematico

Tuttavia, Facebook è diventato poco interessante per i giovani non appena si sono imbattuti nei post dei loro padri, madri e zii. E ciò è avvenuto in tempi relativamente brevi. Instagram esiste dal 2010, e già allora è diventato chiaro a molti che l'energia vitale dei social network (cioè dei giovani) si sta lentamente spostando in un nuovo posto, lasciando Facebook a papà e zie. 

E ciò sarebbe perfettamente accettabile se Facebook diventasse un luogo in cui persone adulte discutono di argomenti da adulti, ma quello spazio, soprattutto in America, è stato preso e detenuto da Twitter per molto tempo (prima che Musk lo trasformasse in un altro focolaio di dolore). ). La Croazia e Twitter avevano, nella migliore delle ipotesi, un rapporto poco solido, motivo per cui il calo di interesse per Facebook in queste aree è stato meno avvertito che in altri paesi. Ciò che è iniziato in America nel 2015 è accaduto qui nel 2020. 

Negli ultimi sette-otto anni Facebook è diventata la rete attorno alla quale si sviluppano le controversie, ma non la rete che prende direzioni interessanti. Dal commercio di dati personali, alla censura, ai cambiamenti degli algoritmi, al ruolo chiave nella diffusione delle fake news e ad un centinaio di altre cose, alcune delle quali erano oggettivamente positive per il business della vendita di annunci di Facebook, ma penalmente dannose per il business del mantenimento degli interessi. degli utenti finali. 

Le modifiche all’algoritmo del 2018 sono progettate per rendere Facebook un luogo più sano in cui comunicare tra amici e familiari. Sfortunatamente, Facebook è diventato un luogo ancora più narcisistico e ancora più tossico, e Zuckerberg non aveva né una soluzione né un reale desiderio di cambiarlo radicalmente. 

E mentre gli anni 2000 furono una lenta discesa nell’oscura oscurità della noia, il 2020 ha trasformato Facebook in un orrore che è stato rapidamente abbandonato anche dai più resistenti. Abbiamo già menzionato i teorici della cospirazione che hanno reso insopportabile la presenza online, ma ammettiamolo, l'approccio di promozione del vaccino di Zuckerberg è stato uno dei colpi finali al web in difficoltà.

La censura dei post "problematici" è diventata onnipresente, il che ha creato reazioni negative non solo tra coloro che hanno postato, ma anche tra coloro che si oppongono in linea di principio alla censura e non sono necessariamente anti-vaxx. Inoltre, è diventato chiaro che, anche con obiettivi chiari e buone intenzioni, Zuckerberg non ha alcun controllo sulla rete e nessuna visione oltre la vendita di annunci nel modo più efficiente possibile.

È finita l’era dei social network?

E per evitare confusione, Facebook era in declino già prima della pandemia, ma il covid-19 ha accelerato questo processo. 

I ragazzi hanno lasciato la rete molto tempo fa e Zuckerberg non aveva idea di come attirarli nuovamente. I creatori di contenuti video non vedono l'utilità di Facebook accanto agli esistenti YouTube o TikTok, perché non ci sono "star di Facebook", ci sono star di YouTube e tiktoker. Se ne sono andati anche gli influencer che hanno trovato un posto decisamente migliore su un'altra piattaforma Meta, Instagram.


Quei “veri” teorici della cospirazione sono andati online dove possono diffondere liberamente le loro idee folli senza timore che Zuckerberg censuri i loro post. Per i musicisti, Facebook è l’ultimo buco nel tubo, perché se vogliono condividere la loro musica con i fan, devono pagare, e questo investimento ha sempre meno senso, perché perché spendere soldi in promozione online dove ce ne sono quasi tutti? nessuna gente che assiste ai concerti. 

I vecchi desiderosi di discussioni infinite e i portali di notizie sono gli unici che utilizzano ancora attivamente questa rete. In 20 anni, Facebook ha fatto molta strada da rete per socializzare e incontrare a un glorificato aggregatore di notizie dove i litigiosi annoiano "sciare" senza meta tra spam, gallerie fotografiche di bambini o un viaggio poco interessante a Plitvice, pubblicità di protesi antirussamento, offerte di bot e ricerche di notizie che li faranno incazzare abbastanza da scrivere uno stato al riguardo in cui discuteranno con gli altri 10 idioti. 

Questa è una terra desolata, è così da anni e lo sappiamo tutti. L'unico motivo per cui questo è un argomento è perché è il ventesimo compleanno della rete. Già due anni fa era stato scritto che l'impero di Zuckerberg aveva perso valore ed era stato costretto a licenziare 11mila persone, e ciò di cui parla "l'uomo robot" non sono più i social network, ma le sue fantasie megalomani sul metaverso e sulla realtà virtuale. 

Forse l’era dei social network sta finendo o almeno stanno scomparendo le forme a cui siamo abituati. Threads è un buon esempio di come le vecchie idee non reggono più perché stiamo tutti peggio, ma nessuno sa cosa farne. Pubblicare una foto, un meme o uno stato Dio non voglia? Perché? Per chi? 

E si prevede che le reti più vecchie verranno rafforzate per prime, e Facebook sarà il primo della lista ad essere colpito. Facebook è il MySpace che ancora non lo sa, ed è solo questione di giorni prima che tu riceva un nuovo smartphone, ti accorga di aver dimenticato di installare l'app di Facebook e ti rendi conto che non vuoi nemmeno farlo. E sarà così.