Create Your Own Bio Links Website Easily in 5 Minutes! Designed for influencers, creators, and businesses, our platform allows you to craft a personalized,

C’è un predatore in Africa che incute più paura dei leoni. VIDEO

Creato il 7 Ottobre, 2023Notizie News Italiano • 124 visualizzazioni • 2 minuti letto

Con i lori artigli affilati e e loro mascelle potenti, i leoni non sono certamente un predatore con cui la maggior parte degli animali ha interesse a scherzare. Ma gli esperti hanno scoperto un altro predatore ancora più temuto da molti animali africani.


I leoni sono i più grandi predatori terrestri cacciatori di gruppo del pianeta, e quindi dovrebbero essere i più spaventosi”, afferma il biologo ambientalista Michael Clinchy della Western University in Canada. Ma in oltre 10.000 registrazioni di animali selvatici nella savana africana, il 95% delle specie osservate ha risposto con molto più terrore al suono di una bestia completamente diversa. Questo animale non è nemmeno tecnicamente un predatore all’apice . Siamo noi: gli esseri umani. “La paura degli esseri umani è radicata e pervasiva. C’è questa idea che gli animali si abitueranno agli umani se non vengono cacciati. Ma abbiamo dimostrato che non è così.” Negli esperimenti, l’ecologa della Western University Liana Zanette e colleghi hanno riprodotto una serie di vocalizzazioni e suoni agli animali nelle pozze d’acqua nel Greater Kruger National Park in Sud Africa e hanno registrato la loro risposta. Quest’area protetta ospita la più grande popolazione di leoni ( Panthera leo ) rimasta al mondo, quindi gli altri mammiferi sono ben consapevoli del pericolo rappresentato da questi carnivori. I ricercatori hanno trasmesso i suoni di conversazioni umane nelle lingue locali, tra cui Tsonga, Sotho settentrionale, inglese e afrikaans, così come i suoni della caccia umana, compresi i cani che abbaiano e gli spari. Hanno anche riprodotto i suoni dei leoni che comunicano tra loro. “La cosa fondamentale è che le vocalizzazioni dei leoni sono quelle che ringhiano e ringhiano, in ‘conversazione’ per così dire, non che ruggiscono l’uno contro l’altroIn questo modo le vocalizzazioni dei leoni sono direttamente paragonabili a quelle degli umani che parlano in modo colloquiale.” Non tutti i soggetti sperimentali però hanno apprezzato gli sforzi dei ricercatori. “Una notte, la registrazione del leone fece arrabbiare così tanto un elefante che caricò e distrusse tutto“, ricorda Zanette , riferendosi alla configurazione della telecamera. Quasi tutte le 19 specie di mammiferi osservate negli esperimenti avevano il doppio delle probabilità di abbandonare le pozze d’acqua quando sentivano gli esseri umani parlare rispetto ai leoni o addirittura ai suoni della caccia . I mammiferi includono rinoceronti, elefanti, giraffe, leopardi, iene, zebre e facoceri, alcuni dei quali possono rappresentare di per sé dei pericoli.



Questo video dimostra la sorprendente reazione di rinoceronti alle “conversazioni” tra leoni e alle conversazioni tra esseri umani.

È stato proprio l’ascolto delle vocalizzazioni umane a ispirare la paura più grande suggerendo che la fauna selvatica riconosce gli esseri umani come il vero pericolo, mentre i disturbi correlati, come l’abbaiare dei cani, sono semplicemente fattori minori. Considerando quanto siano onnipresenti gli esseri umani oggi, fuggire da noi sarà sempre e solo una situazione temporanea, il che significa che questi mammiferi purtroppo continueranno ad avere le loro paure di noi. Non solo a causa della perdita di habitat, del cambiamento climatico e dell’estinzione delle specie, che sono tutte cose importanti. Ma il solo fatto di averci là fuori in quel paesaggio è un segnale di pericolo sufficiente per farli reagire in modo davvero forte. Sono spaventati a morte dagli esseri umani, molto di più di qualsiasi altro predatore.

Questa ricerca è stata pubblicata su Current Biology .